Foggia, lunedì 25 giugno 2018
Dottrina sociale, all’Università di Foggia convegno su “Il Codice di Camaldoli”
TW

Facebook

Universita data 27/03/2007

NEWS  

Dottrina sociale, all’Università di Foggia convegno su “Il Codice di Camaldoli”


“L'uomo è un essere essenzialmente socievole: le esigenze del suo spirito e i bisogni del suo corpo non possono essere soddisfatti che nella convivenza”. E’ questo il primo enunciato del “Codice di Camaldoli”, prodotto del lavoro di un gruppo d’intellettuali cattolici che si riunì, nel luglio 1943, presso il monastero benedettino di Camaldoli (nella foto), in provincia d’Arezzo. Sotto la guida di monsignor Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, si confrontarono, per lunghi giorni, sul magistero sociale della Chiesa, con l’obiettivo di “fissare” i principi fondamentali del pensiero sociale cattolico. “Perché l'essere umano – scrissero - abbia possibilità adeguate di vita e sviluppo occorre che le famiglie si uniscano tra di loro a costituire la società civile. La quale perciò proviene direttamente dalla natura dell'uomo, remotamente da Dio che ha creato l'uomo socievole”. La riflessione avviata a Camaldoli condusse, nella primavera del 1945, alla pubblicazione di quei Principi dell’ordinamento sociale (meglio noti come “Codice di Camaldoli”) che “investono i punti fondamentali del problema della comunità umana, con particolare riguardo ai più vivi e urgenti problemi del lavoro e della vita economica”. Oggi, a distanza di oltre 60 anni, si continua ad indagare “sulla fecondità che il Codice di Camaldoli ebbe nel pensiero e nell’azione politica dei cattolici italiani della lunga fase storica successiva” e sulla sua attualità nel nuovo contesto geopolitico europeo. Una discussione che, in questi giorni, coinvolge anche Foggia: presso l’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Foggia, si terrà, giovedì 29 marzo alle ore 18, un convegno su “Il Codice di Camaldoli, l’impegno sociale per una cittadinanza consapevole”, con l’illustre intervento di Savino Pezzotta, già segretario nazionale della CISL, nella sua nuova veste di presidente della Fondazione per il Sud. Il programma dell’iniziativa prevede gli indirizzi di saluto di: Bruno D’Emilio, sacerdote, cappellano dell’Università di Foggia; Giulio Colecchia, segretario generale della UST CISL di Foggia; Rosaria Chirolli, presidente del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (MEIC) di Foggia. In seguito, sono previste le relazioni di: Pasquale Pazienza, docente d’Economia Politica presso l’Università di Foggia; Renato Balduzzi, presidente nazionale del MEIC e docente di Diritto Costituzionale all’Università di Genova. Nel corso del convegno, sono previsti anche gli interventi degli studenti dell’associazione Libera.







La Cisl unisce
SERVIZI CISL
CAF CISL
INAS
ASSOCIAZIONI CISL
LINK UTILI