Foggia, mercoledì 13 dicembre 2017
TW

Facebook

Fit data 22/11/2017

NEWS  

Azienda trasporti Ataf, la Fit Cisl ha incontrato il Sindaco di Foggia per fare il punto sulla situazione.


Il giorno 20 novembre si è tenuta, giusta convocazione del Sindaco dietro una nostra precisa richiesta d’incontro, una riunione presso il palazzo di città, alla presenza del primo cittadino, del Presidente dell’ATAF, nonché dei dirigenti, dott. Di Cesare e dott. Dragonetti. Quell’obiettivo collettivo  intrapreso sin  dal lontano 2015 da parte di tutte le OO.SS., questa volta non ci ha visti tutti uniti a sostegno della causa comune, esclusivamente a difesa dei lavoratori: infatti le altre organizzazioni sia confederali che autonome, pur sollecitate e redarguite dal Sindaco a rimanere al tavolo hanno ritenuto non restare con la CISL e hanno rifiutato l’incontro: per la qual cosa la scrivente esprime gratitudine al primo cittadino per la posizione ferma assunta nel continuare i lavori.

Si precisa che non più di dieci giorni fa abbiamo concordato e condiviso un percorso che avrebbe riportato l’ unità sindacale di CGIL, CISL e UIL su tutti i tavoli istituzionali e tecnici del territorio: oggi, invece, si assiste ad una drastica inversione di tendenza. Anche se non ci riteniamo pienamente soddisfatti degli impegni presi dall’Amministrazione comunale e per la qual cosa ci riserviamo, dopo l’informativa a tutti i lavoratori che avverrà in assemblea il giorno 23 novembre, di consultare i nostri legali al fine di valutare tutte le opportunità a tutela delle maestranze, di seguito riportiamo quanto emerso dall’incontro.

Una prima tranche di 300.000 euro dei 600.000 promessi nel 2015 alla presenza di tutte le OO.SS., dei capigruppo e dei tecnici del Comune, verrà erogata nel prossimo mese di dicembre alla società e i restanti 300.000 nel corso del prossimo anno. L’effetto di tale riconoscimento sarà l’immediato scongelamento, nel mese di gennaio degli aumenti salariali maturati per gli scatti di anzianità e il riconoscimento del parametro superiore per coloro che hanno mutato la mansione lavorativa (esempio: da manovale a autista – da parametro 100 a parametro 140).

Di contro, il Sindaco ci ha comunicato che l’elemento ostativo legato alla dichiarazione di predissesto finanziario del Comune gli ha comportato un ritardo dell’impegno precedentemente assunto e non gli permette di riconoscere aumenti riconducibili al costo del personale relativamente all’automatismo contrattuale dell’avanzamento di parametro legato all’anzianità di servizio, come previsto dalla normativa vigente.

E in ultimo va precisato, per onor della verità, che è pur vera la dichiarazione del primo cittadino sulle perdite legate all’inflazione delle quote riconosciute dalla Regione Puglia, anche se per inerzia della stessa amministrazione comunale: infatti le altre aziende del settore hanno intrapreso azioni giudiziarie che hanno riconosciuto loro il diritto, di contro però, va sottolineato che a causa dei chilometri non effettuati, la stessa amministrazione comunale e l’Azienda continuano a perdere oltre 500.000 euro all’anno, benché ci siano soluzioni per recuperare queste somme e migliorare il reso all’utenza, oggi deficitario.

IL SEGRETARIO TERRITORIALE (Fabio Lo Muzio)







La Cisl unisce
SERVIZI CISL
CAF CISL
INAS
ASSOCIAZIONI CISL
LINK UTILI