Fistel data 01/08/2016 LEGGI TUTTE LE NEWS

NEWS  

"Giù le mani dalle targhe automobilistiche". Sindacati della Cartiera pronti allo sciopero.


Si sono svolte lo scorso 29 luglio, presso lo Stabilimento di Foggia dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, le assemblee con i lavoratori della storica “Cartiera” sul tema scottante del trasferimento presso il plant industriale IPZS di Verres degli investimenti – previsti inizialmente a Foggia – per l’allestimento della nuova linea Targhe.

Nel corso delle riunioni con i lavoratori, i Segretari Territoriali delle Organizzazioni Sindacali operanti presso la Cartiera di Foggia, con i membri della Rappresentanza Sindacale Unitaria, hanno illustrato i contenuti dell’incontro dello scorso 28 luglio tra le OO.SS. e l’Amministratore Delegato IPZS dott. Paolo Aielli.

E’ stata quindi portata a conoscenza dei lavoratori la volontà dell’Azienda di non rispettare il Piano Industriale, inizialmente presentato alle OO.SS., ed in particolare è stata illustrata la decisione del Poligrafico di voler installare presso il polo industriale di Verres, in Val d’Aosta, la nuova e moderna linea di produzione Targhe.

Sono stati altresì riportati ai lavoratori i piani aziendali – previsti per lo stabilimento di Foggia – relativi all’acquisto di una macchina in tondo per la stampa olografica, ed il recupero della commessa degli scontrini del Gioco Lotto, investimenti che tuttavia restano insufficienti a sostituire l’eventuale perdita della produzione delle Targhe sia in termini di fatturato sia in termini di unità lavorative impiegate.

Dalla riunione con i dipendenti del Poligrafico di Foggia è emerso in maniera chiara e determinata che tutti i lavoratori, impiegati ed operai, sono contrari in modo assoluto all’ipotesi del trasferimento della produzione delle Targhe, la lavorazione più redditizia in termini di profitto realizzata nella Cartiera.

Pertanto, durante l’assemblea è stato deciso all’unanimità di proseguire con l’atteggiamento di agitazione sindacale – iniziato successivamente alla pubblicazione dell’atto della giunta valdostana che lo scorso 16 luglio ha ratificato i piani industriali tra Finaosta ed il Poligrafico – e di proseguire con il blocco degli straordinari e con  la revoca dei recenti accordi sottoscritti in materia di mobilità tra aree non omogenee.

Inoltre, i lavoratori hanno chiesto alle sigle sindacali di non abbassare la guardia durante il periodo delle ferie estive e di continuare il dialogo con le forze politiche e con gli amministratori locali al fine di scongiurare questo ennesimo attacco al Poligrafico di Foggia, il quale non tiene assolutamente in considerazione gli ottimi risultati produttivi del plant industriale dauno e che delocalizza un’importante produzione in un’area sicuramente più avanzata rispetto al già povero territorio di Capitanata.

Le OO.SS. hanno deciso di intesa con i lavoratori di tenere alta la guardia in attesa della prossima riunione con i vertici aziendali a settembre, nel quale sarà presentato il nuovo Piano Industriale 2016-18, e nel caso fosse ribadito  che la nuova produzione Targhe sarà spostata a Verres, seguirà una dura opposizione e una serie di movimenti di protesta da parte di tutti i dipendenti e di tutte le Organizzazioni Sindacali, che vanno dallo   sciopero al  blocco di tutte le produzioni ed a una   manifestazione di protesta  dinanzi alla sede del Ministero dell’Economia e Finanza.