Foggia, giovedì 23 novembre 2017
TW

Facebook

Sicet data 08/07/2014

NEWS  

Emergenza abitativa, aumentano gli sfratti per morosità tra le famiglie foggiane. Appello alle Istituzioni del SICET.


“Servono programmi e risorse, ma anche rispetto di tempi e regole”.

Nell’anno 2013, in provincia di Foggia si è registrato un aumento del 26,53% (il 12,55% in Puglia) dei provvedimenti esecutivi di sfratto rispetto al periodo gennaio-dicembre dell’anno precedente. Per la Capitanata, è il dato più indicativo diffuso dall’Ufficio Centrale di Statistica della Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno nei giorni scorsi. “Registriamo una preoccupante crescita degli indicatori provinciali, in particolare degli sfratti per morosità – afferma il segretario generale del SICET di Foggia, Angelo Sgobbo - che raggiungono il 71% del dato complessivo. Tutto ciò conferma le gravi difficoltà delle famiglie foggiane alle prese con l’emergenza occupazionale che è strettamente connessa all’emergenza abitativa, che continua ad aggravarsi sempre più”.

Per il SICET, “sono numeri impressionanti che dovrebbero imporre alle Istituzioni nazionali e locali – rileva Sgobbo - una strategia di medio/lungo periodo per soddisfare la domanda abitativa e un uso più attento e tempestivo delle risorse”. In provincia di Foggia, nel 2013 i provvedimenti di sfratto emessi sono stati 372, le richieste di esecuzione presentate all’ufficiale giudiziario 1.184, gli sfratti eseguiti 121. Per quanto riguarda il motivo del provvedimento di sfratto, 30 sono per necessità del locatore, 77 per finita locazione, 265 per morosità.

Il SICET ha denunciato il forte ritardo (otto mesi) nella pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale sulla morosità incolpevole, contenente la ripartizione alle Regioni di 36,73 milioni di euro per i sostegni agli inquilini, gli indirizzi per la gestione ai Comuni e alle Prefetture per la graduazione nell’esecuzione degli sfratti.

Unitamente agli altri sindacati degli inquilini, il SICET di Foggia intensificherà la vigilanza in tutto il territorio provinciale. “Per uscire dall’emergenza e dal disagio abitativo servono programmi e risorse, ma anche rispetto di tempi e regole. Per questo, accogliamo positivamente – aggiunge il segretario Sgobbo - la comunicazione della vicepresidente ed assessore all’Assetto del Territorio della Regione Puglia, Angela Barbanente, inviata alla Prefetture affinché sollecitino le Istituzioni a rafforzare l’impegno per alleviare il dramma delle persone coinvolte, mettendo in atto con celerità le misure previste dalla legge n.80 del 23 maggio 2014 (Fondo per morosità incolpevole) ed attivando protocolli d’intesa con le parti sociali, i Comuni, i Tribunali, gli Ordini degli Avvocati, al fine di adottare misure di graduazione dell’intervento della forza pubblica nell’esecuzione degli sfratti”.







La Cisl unisce
SERVIZI CISL
CAF CISL
INAS
ASSOCIAZIONI CISL
LINK UTILI